San Miguel de Allende, una cittadina situata sui monti Bajio, in Messico (274 chilometri a nord ovest di Città del Messico), è diventata un crogiolo di attività del Peace Education Program (PEP) grazie all’impegno e all’entusiasmo di due volontari locali.

Jean Paul Peretz aveva sentito parlare del PEP alcuni anni fa a Miami e dopo aver ascoltato alcuni detenuti che parlavano della loro bella esperienza con questo programma ha deciso di parteciparvi attivamente.

L’anno scorso, dopo essersi trasferito a San Miguel de Allende, Jean Paul ha incontrato Oscar Arcos, un fisioterapista del posto, e con lui ha deciso di iniziare una serie di corsi del PEP a febbraio di quest’anno, presso un centro di riabilitazione per alcolisti e tossicodipendenti. L’iniziativa è stata molto gradita e un partecipante ha detto: “Sento che il mio cuore sta ricominciando a funzionare.”

Jean Paul e Oscar (entrambi parlano spagnolo) hanno poi contattato il capo della polizia della città, il quale ha acconsentito a mostrare la presentazione del PEP agli agenti in servizio in tre turni separati e a una classe di cadetti. Il programma completo di dieci settimane è iniziato in marzo, e i partecipanti seguivano il corso del mattino dopo aver lavorato per dodici ore al turno di notte. Uno degli agenti ha commentato: “Il programma mi ha davvero aiutato a comportarmi diversamente a casa… mi aiuta a rilassarmi.

Ad aprile è iniziato un altro Peace Education Program per i detenuti della prigione locale. “È stato impegnativo perché i partecipanti cambiavano di continuo, ma anche molto gratificante” dice Jean Paul. “Recentemente, durante il programma, ho avuto un dialogo profondo e meraviglioso con uno dei detenuti. Il mio spagnolo non è il massimo, ma dal suo sguardo si capiva tutto”.

All’inizio di maggio 2014 Rebecca Crall, ambasciatore di pace del Rotary Club, ha visitato San Miguel de Allende e ha deciso che il Peace Education Program della Fondazione Prem Rawat costituisce un modello per i programmi di pace della città, e potrebbe esserlo per quelli di tutto il mondo. La città, che celebra il cinquecentesimo anniversario della sua fondazione, sta cercando di soddisfare i requisiti richiesti dalle Nazioni Unite per ottenere il riconoscimento di “Cultura di pace”.

Con il patrocinio di Camino de la Paz, un’organizzazione locale che lavora per la pace, Jean Paul e Oscar sono stati invitati a tenere tre presentazioni separate (due in inglese e una in spagnolo) per gruppi di cittadini interessati alla pace. Su quaranta presenti, si sono fatti avanti in quindici per partecipare al PEP o per aiutare come volontari. “È molto gratificante. Si può facilmente prevedere una crescita esponenziale” afferma Jean Paul.

“Il passo successivo sarà lavorare con i volontari, che propongano il PEP ad altre istituzioni e che possano a loro volta condurre il programma o magari aiutare finanziariamente” aggiunge Jean Paul. “Sembra che il progetto sia sul punto di esplodere.”

 

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedinmail