Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Francese Spagnolo

Durante la campagna “Il potere della pace” i donatori hanno mostrato di sostenere con grande energia la Fondazione Prem Rawat (TPRF). Sono stati infatti raccolti un totale di 185.185 dollari, volti ad aiutare iniziative come il Programma di educazione alla pace e  Food for People a raggiungere sempre più persone nel 2018 e oltre.

Daya Rawat, presidente della TPRF, ha detto: “Ringraziamo molto ognuno dei generosi donatori e volontari che hanno contribuito al grande successo di questa campagna. Persone di ogni parte del mondo riceveranno benefici significativi grazie alla vostra bontà.”

La campagna, durata tutto il mese di dicembre, ha anche visto la pubblicazione di quattro nuovi video che mostrano in che modo i contributi donati alla TPRF facciano davvero la differenza nella vita di tante persone. Quasi 900 donatori hanno partecipato alla raccolta fondi, e tra loro alcuni particolarmente generosi hanno fornito 70.000 dollari in fondi complementari.

Guarda qui di seguito i quattro video pubblicati durante la campagna (Premi su subtitles (cc) nella schermata di YouTube per avere i sottotitoli in italiano. Sull’iPad, vai su Impostazioni>Generale>Accessibilità>Sottotitoli):  

Grazie a un sostegno così notevole da parte della base, nel 2017 la TPRF ha potuto fare un mondo di differenza per molte più persone di prima. Questo video mette in luce alcuni dei principali successi di quest’anno.

 

Nel 2017 la TPRF ha potenziato il programma Food for People in Nepal, fornendo pasti completi giornalieri ad altri 750 ragazzi e ragazze della scuola secondaria Begeshwari, in una località molto isolata. Adesso la cucine della sede nepalese di FFP stanno lavorando a pieno ritmo e nutrono circa 2000 bambini ogni giorno.

Il Programma di educazione alla pace (PEP) aiuta la gente della Colombia a guarire dalle ferite provocate da oltre 50 anni di guerra civile.

Il 28 luglio 2017, a Medellin, in Colombia, Prem Rawat ha incontrato insegnanti, autorità governative e vittime della guerra che stanno partecipando al Programma di educazione alla pace.

Share this story

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail