Blog

“La pace è la risposta”: un ex detenuto parla dell’importanza del Programma di educazione alla pace ai fini della riabilitazione

Nel 2014 Sean Walker è stato rilasciato, dopo 24 annipassati ini carcere per aver commesso un omicidio. Da allora ha iniziato a lavorare per aiutare gli altri. E Nathan Deal, governatore dello stato della Georgia, ha citato il percorso vincente di riabilitazione di Sean come esempio di cosa possa accadere quando ai detenuti vengono offerti i programmi di sostegno di cui hanno bisogno per reinserirsi nella società e nella vita produttiva. In questa lettera Sean racconta in che modo il Programma di educazione alla pace (PEP) lo abbia aiutato a rimettersi sui binari giusti.

“L’effetto PEP” in Colombia: semi per la pace

Marian Masoliver è una regista che, insieme a Simon Edwards, ha recentemente visitato la Colombia per documentare gli effetti del Programma di Educazione alla Pace (PEP) su ex combattenti, vittime e altri gruppi colpiti dalla guerra civile che ha infuriato per cinquant’anni e che sta volgendo al termine. In questo blog Marian riflette sulla sua esperienza.

“Effetto PEP” in Colombia: disarmare il cuore

Marian Masoliver è una regista che si trova attualmente in Colombia insieme a Simon Edwards per documentare l’effetto del Programma di educazione alla pace (PEP) sugli ex combattenti, sulla popolazione e altri gruppi che hanno vissuto la guerra civile che sta concludendosi dopo cinquant’anni. In questo blog Marian riporta l’esperienza del suo viaggio nel paese di Santa Lucia per incontrare i membri delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC), il più numeroso gruppo di ribelli del Paese.

Una minuscola scintilla: Marcia Loft sul volontariato per la Fondazione Prem Rawat

“Facendo volontariato per la TPRF sembra che si acquisiscano come doni intrinseci l’allenamento ad accettare la diversità, la gratitudine e il rispetto per ogni persona” scrive Marcia Loft in questo blog, parlando della propria esperienza come co-direttrice volontaria nel team di scrittori che rispondono per la TPRF alle donazioni in onore o in memoria di persone care.